English
S'Archittu




S'Archittu





Tempi






L'enigma del Coracodes Portus


1. Le origini
2. Le più antiche testimonianze
3. Le dispute secolari
4. Le scoperte più recenti


1. Le origini

La baia di S’archittu ha avuto un ruolo strategico fin dalle epoche storiche più remote: proprio all’Arco, infatti, era situato in antichità il Coracodes Limen, il porto della vicina città sardo-punica, poi paleocristiana, di Cornus.

Risale al secondo secolo dopo Cristo la prima, e più importante, testimonianza dell’esistenza del porto di Cornus. Ne parla infatti il celebre geografo-astronomo egiziano Claudio Tolomeo (Circa 100 d.C.- circa 178 d.C.), nella sua Geographia (libro III, capitolo III), in cui cataloga le località più importanti conosciute al suo tempo. Tra queste, in Sardegna, situa la città di Cornus e il suo porto, che chiama Coracodes Limen (latinizzato, Coracodes Portus).

A noi non sono giunte le carte geografiche disegnate da Tolomeo; egli ha però fornito le coordinate esatte (secondo un reticolo da lui ideato) di tutti i luoghi che cita, per cui è possibile oggi ricostruire le sue mappe. Già Alberto La Marmora si era cimentato con successo in tale lavoro; ai giorni nostri, una ricostruzione accurata dell’intera cartografia tolemaica è presente nel sito internet dell’Università del Kansas.

In ogni caso, secondo le coordinate tolemaiche, il Coracodes Portus (30*20, 37°35) si trova a sud-ovest di Cornus (30*30, 37°45), molto vicino alla città. La posizione, quindi, potrebbe essere proprio quella di S’Archittu, con un’ottima approssimazione, tenuto anche conto delle distorsioni tipiche delle carte geografiche antiche.

Particolari di due ricostruzioni della mappa di Tolomeo, che mostrano le rispettive posizioni di Cornus e del Coracodes Portus. In alto la versione di Alberto La Marmora; in basso, quella realizzata ai giorni nostri dall'Università del Kansas.

Torna all'inizio della pagina



2. Le più antiche testimonianze

Nel corso degli ultimi secoli si è sempre discusso sulla localizzazione esatta del Coracodes Portus, facendo oscillare la sua identificazione tra Alghero e Capo Mannu. Questa incertezza era dovuta soprattutto al fatto che per un lungo periodo non si era individuata neanche la posizione della città di Cornus, le cui tracce, sepolte dal colle di Corchinas, erano pressoché invisibili.

Il primo studioso che ha situato Cornus nella posizione in cui realmente si trova fu, nel sedicesimo secolo, Giovanni Francesco Fara (1543-1591), nell’opera In Sardiniae Chorographiam, nella quale localizza esplicitamente il Coracodes Portus a S’Archittu.
Riportiamo qui il passo in questione dello studioso sardo, particolarmente interessante in quanto rappresenta la prima attestazione storica (per la precisione, siamo intorno al 1585) dei nomi di Torre del Pozzo e di S’Archittu:

«Occidentalis lateris descriptio et misura litoralis. (...) 1 m. pass. Ad stationem Putei ubi est turris speculatoria ; 2 m. pass. Ad Architum, portum Coracodes a Ptolemaeo dictum, cui vicina iacet prostrata urbs antiqua Cornu a Livio, Ptolemaeo et Antonino Pio memorata».

Traduzione: «Descrizione della costa occidentale e misurazione del litorale. (...) un miglio a Stationem Putei [Torre del pozzo], ove si trova una torre di avvistamento; due miglia ad Architum [S’Archittu], noto a Tolomeo come Porto Coracodes: nelle vicinanze giace distrutta Cornus, antica città menzionata da Livio, Tolomeo ed Antonino Pio».

Come si vede, l’identificazione Coracodes Portus - S’Archittu rappresenta per il Fara una certezza. Tuttavia, anche nei secoli successivi alla stesura dell’In Sardiniae Chorographiam, si sono avuti studiosi che situavano tale porto in luoghi diversi. Questo anche perché l’opera del Fara è rimasta un manoscritto fino al 1835, anno della sua prima pubblicazione.

Torna all'inizio della pagina



3. Le dispute secolari

Nel 1840, lo storico Giuseppe Manno, nella Storia di Sardegna (Tomo I, libro III), afferma che il Coracodes Portus è da situarsi «Nella spiaggia di Pitinuri, secondo il Fara», respingendo di seguito l’ipotesi del cartografo Cluverius che lo situa ad Alghero. Manno non nomina espressamente S’Archittu, e sembrerebbe localizzare il nostro porto a Santa Caterina di Pittinuri; tuttavia, il fatto che citi espressamente il Fara lascia intendere che, per lui, il sito di «Pitinuri» sia da intendersi in senso lato, e comprenda anche la Baia dell’Arco.

Nel 1881, lo studioso Ettore Pais, in Sardegna prima del dominio romano, sembra contrariare la teoria del Fara, per situare il Coracodes Portus a Capo Mannu:

«Cornus era posta a breve distanza dal mare, ove si vedono gli avanzi di una tonnara e dove si riconoscono chiare le tracce dell’opera dell’uomo in alcuni piccoli bacini: mentre forse alquanto più a sud era il Coracodes Portus (Koracwdhz limhn) nome che ricorda del pari l’Africa settentrionale. (...) Sulla posizione del Coracodes Portus, oggi Capo Manno, v. La Marmora (...)».

Il Pais, quindi si dimostra solo possibilista («forse alquanto più a sud») sull’ipotesi che il Coracodes Portus fosse piuttosto a meridione di Cornus, a Capo Mannu, e comunque rimanda al La Marmora, di cui ci occuperemo qui di seguito.

Alberto La Marmora (1789-1863), nella sua celebre opera Viaggio in Sardegna del 1826, tratta in maniera molto dettagliata la localizzazione del porto di Cornus, prendendo in considerazione due possibilità. La prima, è quella di Capo Mannu:

«(...) Cercheremo quindi il Coracodes Portus alla distanza indicata fra questi due punti e lo metteremo sotto il Capo Mannu, in una bella ansa non lungi dalla torre della Mora».

Immediatamente, però, il La Marmora analizza una seconda ipotesi, più vicina a quella «s’architttese» del Fara:

«Se tuttavia si preferisce riferirsi ad una specie di tradizione e ad una rassomiglianza tra il nome antico di Coracodes e quello moderno di Corchinas, col quale si designa la regione marittima dell’antica Cornus, (...) questi dati si accorderebbero abbastanza bene colle misure reali (...). Il Cluverius s’inganna facendo del Coracodes Portus il porto di Alghero».

Ricordiamo che il colle di Corchinas è quello situato tra S’Archittu e Santa Caterina. Quanto all’ipotesi «algherese», è decisamente esclusa anche da questo autore.

Il La Marmora, in questa circostanza, non nomina S’Archittu, ma è comunque abbastanza esplicito affermando che il Coracodes Portus si potrebbe trovare nella «regione marittima dell’antica Cornus», e S’Archittu è, in linea d’area, l’approdo più vicino alla città punica. È inoltre da escludersi che lo scrittore situi il porto a Santa Caterina di Pittinuri, località di cui parla ampiamente, e che avrebbe in questo caso nominato espressamente.

Nella Carta della Sardegna Antica, disegnata nel 1840 da Alberto La Marmora, sono rappresentate entrambe le ipotesi dell’autore sul Coracodes Portus.
Lo stesso La Marmora in un’opera successiva, l’Itinerario dell’isola di Sardegna, del 1868, appare decisamente più sicuro nel situare il porto di Cornus nelle immediate vicinanze dell’antica città punica. Si noti a tale proposito che questo scritto è successivo al 1835, anno della pubblicazione dell’opera del Fara:

«Il porto ch’è presso di queste rovine, e della regione detta generalmente Corchinas, sembra essere l’antico Coracodes Portus di Tolomeo».

Anche qui, come si vede, si parla di un approdo che è nei pressi di Cornus, ma non a Santa Caterina di Pittinuri, località di cui l’autore tratta poco più avanti facendo presenti proprio le difficoltà di attracco:

«La spiaggia di questo piccol golfo è coperta di ciottoli, e perciò i piccoli bastimenti possono tirarsi a terra: quelli però di maggiori dimensioni non vi restano troppo sicuri, perché il vento di ponente che domina questio paraggio, e quando il mare è in moto, impedisce il carico e discarico delle mercanzie».

L’unica posizione a cui La Marmora poteva alludere, quindi, è proprio all’Arco.

Nell’Itinerario, peraltro, il La Marmora nomina espressamente S’Archittu, solo di sfuggita, con un’osservazione che pare tuttavia interessante:

«Dopo aver lasciato le rovine di quest’antica città [Cornus], si trova presso una vecchia torre detta Su Puttu gli avanzi di un’antica Tonnara. Alla parte del mare si vede un piccol promontorio sopra il quale richiamo l’attenzione del geologo che passerà in questi luoghi. La roccia che forma la principal massa di questo promontorio è formato di differenti strati di calcareo grossolano (...).
Io non parlerò di certi piccoli seni di questo stesso promontorio, e del lato vicino: qualcheduno di essi sembra scavato dalla mano dell’uomo: uno di questi è appellato s’Archittu, e l’altro Su Fossigheddu».

È evidente che il «piccol promontorio» è l’attuale «Balena», mentre è probabile che «Su fossigheddu» fosse l’attuale «Scoglio del Genovese». Con riguardo alla tonnara, se ne ha testimonianza anche in altri libri di geografia dell’800. È comunque singolare che il La Marmora avanzi l’ipotesi di un’origine artificiale dell’Arco.

Torna all'inizio della pagina


4. Le scoperte più recenti

Giungendo ora al ventesimo e al ventunesimo secolo, possiamo osservare che tutti i più importanti storici sardi contemporanei hanno preso in esame la questione del Coracodes Portus, per lo più, però, senza aggiungere molto alla querelle dei secoli scorsi, e optando spesso per l’ipotesi di Capo Mannu.
Tra questi fa però eccezione l’opinione del noto studioso di linguistica sarda, Massimo Pittau dell’università di Sassari, che porta nuove argomentazioni a favore della localizzazione a S’Archittu. Pittau ha dedicato al porto di Cornus un suo intervento ad un convegno su Ampsicora svoltosi a Sassari nel 1998, su cui ci soffermeremo qualche istante.

La tesi avanzata da Pittau è basata sull’analisi della toponomastica s’archittese. Egli sostiene (ed è difficile a questo punto dargli torto), che all’antico nome Coracodes sia da far risalire l’attuale toponimo «Cagaragas», che indica oggi la zona retrostante lo Scoglio del Genovese. Afferma il professore:

«Cagaragas pertanto sarebbe la versione moderna, effetto di una etimologia popolare, di Korhacódes. A nostro avviso i dubbi (...) debbono cadere di fronte a questa importante circostanza: la città di Cornus doveva avere il suo porto nelle immediate vicinanze e non lontano, a Cala su Pallosu od a Cala Saline, come hanno scritto alcuni storici recenti, siti che distano circa 10 chilometri da Cornus. (...) La località di S’archittu, invece, dista da Cornus appena 500 metri in linea d’area».

Pittau tra l’altro ci illumina sull’etimologia del toponimo Coracodes Portus, che significa letteralmente «porto a forma di becco di corvo».

L’autore in questione, nello stesso intervento, riprende anche l’argomentazione (che, a ben vedere, è tra tutte la più forte), che S’Archittu è l’unico approdo veramente riparato e sicuro in un tratto lunghissimo di costa. In effetti, è l’unico possibile porto naturale compreso tra Capo Mannu e Bosa.


Una bitta per l’ormeggio delle navi, di natura chiaramente artificiale, scavata nella roccia calcarea accanto all’Arco.
Pittau tratta l’argomento anche nel suo sito internet, nell’ambito di una classificazione dei toponimi sardi:

«Korhakódes limén è il porto di Cornus, nella località costiera di s'Archittu, dove di recente sono state rinvenute tracce evidenti del porto, ormai sotto il livello del mare per effetto di un bradisismo positivo che lo ha interessato per ben 10 metri. È possibile che il toponimo antico si continui in quello odierno di Punta di Cagaragas».

Come quest’ultimo scritto ci ha preannunciato, nel ventesimo secolo la ricerca del Coracodes Portus, si è spostata dal piano teorico a quello pratico, e le supposizioni degli storici hanno ceduto il passo alle rilevazioni sul posto degli archeologi. Queste ultime, avvenute nel 1998, hanno fugato definitivamente ogni dubbio sulla presenza dell’antico porto all’Arco, come riferiscono i carabinieri del Comando Provinciale di Oristano in un comunicato pubblicato in un articolo di Romolo Concas sull’Unione Sarda, l’11 giugno 1998:

«Abbiamo accertato (...) che in prossimità dell'arco di roccia esistente (S'Archittu) si trova un corridoio scavato nel fondale del mare a dieci metri di profondità; abbiamo scoperto un canale navigabile scavato nel fondale roccioso che permetteva l'accesso al porto, dal mare aperto, dei tanti natanti in arrivo ed in partenza; abbiamo scoperto tracce di una banchina d'ormeggio con regolare piano rialzato per le operazioni di carico e scarico di merci e passeggeri; abbiamo scoperto un punto d'attracco, in corrispondenza del quale, in superficie, si trovano due rudimentali bitte per l'ormeggio con una sezione di un metro e la distanza fra di loro di dieci metri, scavate nel calcare; abbiamo scoperto svariati reperti archeologici quali cocci, anfore, vasellame di ogni genere che fanno desumere come il porto nel passato fosse intensamente frequentato da traffico mercantile».

Dopo millenovecento anni dalla Geographia di Tolomeo, questa volta, l’enigma del Coracodes Limen è davvero svelato.


Novembre 2001


Ringraziamo per la cortesia e la disponibilità professor Massimo Pittau, che ci ha fornito il testo della sua relazione prima della pubblicazione.

Torna all'inizio della pagina


Bibliografia essenziale


Tito Livio, Ab Urbe Condita, libro XXIII, capitolo VI, 40.

Claudio Tolomeo, Geographia, libro III, capitolo III.

Giovanni Francesco Fara, In Sardiniae chorographiam Libri duo, Liber I, in Opere, edizione critica a cura di Enzo Cadoni, traduzione italiana di Maria Teresa Laneri, 1992, Edizioni Gallizzi, Sassari, p. 94.

Alberto La Marmora, Viaggio In Sardegna, Edizioni della fondazione Il Nuraghe, Cagliari, 1927, Libro II, Capitolo III, pp. 313-314.

Alberto La Marmora, Itinerario dell’isola di Sardegna, tradotto e compendiato dal can. Spano, edizione anastatica sui tipi di A. Alagna, Cagliari, 1868, Edizioni Trois, Cagliari, volume II, capitolo VI, pp. 344-355.

Giuseppe Manno, Storia di Sardegna, ristampa anastatica dell’edizione del 1840, Gianni Trois Editore, Cagliari, Tomo I, pp. 74-75, 218-221.

Ettore Pais, Sardegna Prima del dominio Romano, ristampa anastatica sull’edizione dell’Accademia dei Lincei del 1881, Gianni Trois Editore, Cagliari, p. 336.

Ettore Pais, Storia della Sardegna e della Corsica durante il dominio Romano, edizione anastatica, Gianni Trois Editore, Cagliari, volume I, pp. 58-59.

Gustavo Strafforello e AA. VV., La Patria, Geografia dell’Italia. Sardegna, Torino, Unione Tipografico-editrice, 1895. pp. 232-235.

Romolo Concas, Ecco il porto di Cornus, in L’Unione Sarda dell’11-6-1998

Massimo Pittau, Il porto di Cornus, negli Atti del Convegno di Studio su Ampsicora, Sassari, novembre 1998, successivamente pubblicato in Lingua e civiltà di Sardegna, edizioni della Torre, 2005.



Principali siti internet visitati


Ehia!-crs4

Università del Kansas

Eulogos-Intratext

Sito del Professor Massimo Pittau

L’Unione Sarda

Creative Commons - Attribuzione

Il presente scritto è rilasciato con licenza Creative Commons - Attribuzione
Può essere liberamente riprodotto specificando che è tratto da questo sito, con la medesima licenza.

Le raffigurazioni delle tre carte geografiche, che sono di proprietà dei rispettivi editori, sono qui riprodotte in conformità alle norme sul diritto d'autore, in particolare all'articolo 70, comma 1-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633.






Torna all'inizio della pagina







@

Home page