ATTENZIONE:
questa è una pagina della vecchia versione del sito di S'Archittu, archiviata a solo scopo di memoria storica.
Per visitare la versione attuale del sito vai su
www.sarchittu.net


Percorsi



In mountain bike al belvedere della Pineta


Mezzo: mountain bike
Distanza: 11 km
Durata: 30-40 minuti
Dislivello: 60 m. slm.
Difficoltà: bassa (si noti comunque che il percorso previsto non è il più breve possibile; è quindi sconsigliato per escursioni a piedi. Inoltre, essendo il primo tratto sulla strada statale, è fortemente sconsigliato intraprendere l’escursione nei giorni e nelle ore di maggiore traffico).

 



1.

A S’Archittu, prendete la Strada Statale 292 (Corso Ampsicora), in direzione di Torre del Pozzo. Attraversate Torre del Pozzo e proseguite per i successivi tre chilometri (non voltate, quindi, al bivio dei campeggi, ma proseguite fino al chilometro 110).

2.

Al chilometro 110-VI, lasciate la S.S. 292 e svoltate a destra. Vi ritroverete su una strada asfaltata che ritorna in direzione di S’Archittu (e che è chiusa poco più avanti). Da essa dovete immediatamente prendere, a sinistra, una strada sterrata che procede verso la pineta. Andate avanti in questa strada per circa un chilometro.

3.

Ad un certo punto, vedrete, sulla vostra destra, una capanna di falasco, circondata da un basso muretto in pietra. Immediatamente prima della capanna, sulla sinistra, c’è un sentiero che si inoltra nella pineta. Imboccate il sentiero: vedrete subito, ai lati della strada, due paletti a strisce bianche e rosse.

4.

Subito dopo avere oltrepassato i paletti (vi è anche una costruzione abbandonata sulla destra), vedrete, quasi immediatamente, che il sentiero si biforca in due: voi andate a destra.

5.

Proseguendo su quel sentiero per poche centinaia di metri (non ci sono ulteriori deviazioni), giungerete al belvedere (in cui vi è la torretta di avvistamento della Forestale), dal quale si gode un fantastico panorama sull’immensa pineta.

6.

Dopo la pausa al belvedere, ripercorrete il sentiero su cui siete appena passati, ritornando alla strada sterrata, dove eravate giunti alla capanna di frasche. Continuate a percorrere quella strada: vedrete che dopo qualche centinaio di metri segue una curva a destra e inizia una discesa.

7.

La discesa termina in un incrocio con delle strade asfaltate. Andate dritti (a destra la strada è chiusa, e a sinistra va verso i campeggi “Is Arenas” e “Nurapolis”).

8.

Vi ritrovate quasi immediatamente al bivio con la S.S. 292.  Voi però non prendete la S.S. 292, ma seguite, sulla sinistra, la strada parallela alla 292, che vi porta all’ingresso del campeggio “Europa”.

9.

All’ingresso del campeggio “Europa” termina la strada asfaltata. Vedrete però che sulla destra inizia un sentiero, che continua a “costeggiare” la S.S. 292. Proseguite per questo sentiero.

10.

Andando avanti, troverete una discesa molto ripida e sassosa: è consigliabile che scendiate dalla bici e la portiate a mano. Terminata la discesa, vedrete alla vostra sinistra un cancello verde; alla vostra destra, invece, parte un sentiero, in parte nascosto dai cespugli. Prendete questo sentiero: passerete immediatamente sopra un ruscello (probabilmente lo troverete secco).

11.

Il sentiero che avete imboccato termina qualche decina di metri più avanti, nello spiazzo sterrato adiacente alla S.S. 292, in prossimità di Torre del Pozzo. Stando attenti al traffico, immettetevi nella Strada Statale e andate in direzione di Torre del Pozzo, quindi giungete a S’Archittu.

 



A cura del Centro Studi S'Archittesi "Coracodes"

Novembre 2001, Marzo 2003

 

Indirizzo di posta elettronica:

posta@sarchittu.net

 




vai all'inizio di questa pagina


Ritorna alla pagina principale